Fernando Freitas ci mancherai

0
278
Marcello Maviglia

Fernando Freitas ci mancherai

Fernando Freitas, psicologo e coeditore di Mad In Brasil, se ne è andato alcuni giorni fa dopo aver lottato con coraggio e determinazione contro una forma di cancro molto aggressiva. La sua dipartita è accaduta mentre ero in viaggio in Italia ed è stata scioccante per me e molti altri che lo amavano e stimavano.

Il mio ricordo di Fernando si riconduce ai nostri messaggi e chiacchierate sulla degenerazione dei sistemi di sanità brasiliana, italiana e americana.

Fernando era un sostenitore degli aspetti sociali legati alla sanità e, in questa prospettiva, ricordava spesso come l’eredità di Franco Basaglia si stesse estinguendo lasciando il posto a sistemi di sanità e di salute mentale, (nei tre paesi sopracitati, ma anche nel resto del mondo occidentale), sfigurati dalle politiche neoliberiste che hanno totalmente demolito gli aspetti di intervento psicosociale, sostituendoli con quelli di tipo pseudo-biologico, cioè i farmaci.

Fernando, mi disse che voleva organizzare un convegno Italo – Brasiliano sul tema della “scomparsa di Basaglia” come simbolo dei principi di una psichiatria democratica, basata su un modello eminentemente psicosociale.

Parlava soventemente dei problemi politici e sociali del Brasile e vedeva nella militanza sociopolitica l’arma più efficace per combattere sia l’involuzione politica che del sistema di salute mentale, ovviamente inseparabilmente legati.

Fernando aveva coscienza del fatto che non si potesse raggiungere un benessere psicofisico senza un sistema socio-politico che mettesse l’enfasi sulla riduzione delle diseguaglianze socioculturali.

In questa ottica vedeva nell’approccio psicofarmacologico uno strumento repressivo invece che curativo.

Il tutto era sempre espresso con entusiasmo e simpatia che manifestava con il suo accattivante stile di conversazione, che ispirava e rallegrava gli animi al tempo stesso.

La dipartita del Caro Amico e collega Fernando è stata sentita come una grande perdita da tutti i collegi di Mad In Italy e di Mad International, come testimoniato dall’articolo di Robert Whitaker (1). Vorrei che le parole e l’entusiasmo di Fernando riguardo il bisogno di cambiamento nel sistema di salute mentale nel mondo occidentale rimangano vivi e continuino ad ispirare tutti coloro che seguono Mad In Italy, Mad International e tutti coloro che si adoperano per un cambiamento radicale del sistema, ricordando che le stesse battaglie vengono combattute in molti altri paesi da amici, fratelli e compagni e che tutti insieme “si può”.

Fernando Freitas, Psicologo. Master in Psicologia presso PUC-RJ. PhD in Psicologia (Université Catholique de Louvain). Specializzazione in Psichiatria Sociale (FIOCRUZ). Professore Ordinario e Ricercatore presso la Scuola Nazionale di Sanità Pubblica (ENSP/FIOCRUZ). Co-editore di Mad in Brazil.

Bibliogarfia

(1) Robert Whitaker. Fernando de Freitas: A “Dear Friend” Who Was a Warrior for Radical Change.  Mad In America – February 3, 2023

Fernando de Freitas: A “Dear Friend” Who Was a Warrior for Radical Change – Mad In America

 

 

SHARE
Previous articleCome sono uscita dall’inferno
Next articlePrimavera silenziosa – Quando l’animo non sboccia
Marcello Maviglia, psichiatra e specialista in tossicodipendenza, si interessa di problemi di salute mentale nel contesto dei determinanti della salute in generale e dei principi che facilitano il Recovery degli individui.

LEAVE A REPLY