Psicosi e DCA (disturbi del comportamento alimentare) – III Conferenza di Miriam Gandolfi Martinelli

0
522

Psicosi e DCA (disturbi del comportamento alimentare)

III video-conferenza del 6/5/22

Miriam Gandolfi ci accompagna nell’approfondire i concetti fondamentali dell’approccio sistemico, meglio, come lei ha precisato, sistemico-connessionista, cioè nella sua evoluzione verso le teorie della complessità. Infatti ogni disciplina scientifica, per definirsi tale, deve sempre lavorare per verificare e far evolvere le proprie teorie, affinché esse consentano di comprendere sempre meglio i fenomeni e trovare soluzioni utili ai problemi che essi pongono.

Miriam Gandolfi insiste sulla necessità di chiarire il significato delle parole, dunque inizia chiarendo cosa si intende per “psicosi” e “nevrosi” nel linguaggio della psicopatologia descrittiva ufficiale. Altra cosa è invece come le diverse teorie della mente spiegano questi termini; da qui nascono i diversi modi di affrontarle e trattarle.

La teoria organicista assegna agli squilibri biochimici la causa dei comportamenti, le diverse teorie psicologiche a diverse cause, ma sempre a disfunzioni interne al singolo soggetto, la teoria sistemica ad una patologia del sistema di comunicazione, perciò generata da modi paradossali di definire i rapporti di appartenenza tra i diversi soggetti.

Attraverso la presentazione della storia di un piccolo paziente, di otto anni, che le viene inviato dalla scuola con una possibile diagnosi puramente “descrittiva” di tratti autistici, Miriam Gandolfi, mostra come egli rappresenti in realtà ciò che la teoria sistemica ha definito in passato il paziente designato (da non confondersi con il concetto di vittima o di capro espiatorio) ed oggi, secondo l’evoluzione sistemico-connessionista, la qualità emergente.

Ovvero il bambino rende visibile e comprensibile non solo il suo comportamento e la diagnosi psichiatrica descrittiva ricevuta dal padre (psicosi paranoide con allucinazioni visive), ma anche la disfunzione dell’intero sistema famigliare allargato.

Il caso descritto che potremmo chiamare del “disinfestatore” permette di comprendere la definizione tecnica che la teoria sistemica della mente dà ad ogni comportamento bizzarro, inatteso: il comportamento sintomatico, essendo come ogni comportamento una comunicazione e un modo per proteggere e mantenere la relazione, è un problema per il singolo che lo esprime, ma rappresenta un tentativo di soluzione di un problema più ampio e complesso a livello del sistema famigliare.

Ascoltando la conferenza si potrà capire il profondo significato della sofferenza espressa sia dal bambino che da suo padre scoprendo che ciò che viene definito “malattia mentale” è tutt’altro che sinonimo di “privo di senso o irrazionale”.

Il tempo ha consentito di affrontare solo parzialmente il tema dei disturbi alimentari e ci siamo lasciati con la promessa che verrà ripreso nella prossima video-conferenza del 20 maggio.

Bibliografia
1) II video-conferenza della dr.ssa Miriam Gandolfi Martinelli. Riflessioni sulle origini della sofferenza psichica – 8 aprile 2022, Mad in Italy

Riflessioni sulle origini della sofferenza psichica – II conferenza della dr.ssa Miriam Gandolfi Martinelli – Mad in Italy (mad-in-italy.com)

2) Miriam Gandolfi Martinelli. Le parole sono scatole magiche, ma anche vuote o pericolose come trappole per topi. Mad in Italy

Le parole sono scatole magiche, ma anche vuote o pericolose come trappole per topi – Mad in Italy (mad-in-italy.com)

 

 

SHARE
Previous articleLa mia personale esperienza con la follia e la mia filosofia in sintesi
Next articleAnoressia e DCA (Disturbi del Comportamento Alimentare) – IV videoconferenza della dr.ssa Miriam Gandolfi
Si laurea in Psicologia nel luglio 1976 presso l'Università di Padova e da subito di occupa di temi di integrazione e contrasto alle istituzioni segreganti, ambito che resterà sempre di suo maggior interesse. Infatti nel settembre 1976 accetta di lavorare per il neocostituito Centro Spastici di Bolzano che dopo alcuni anni diventerà il Servizio Provinciale Specialistico per la Riabilitazione dei Neurolesi e Motulesi, occupandosi del superamento delle scuole speciali e degli istituti per adulti incluse le strutture manicomiali. Completa la sua formazione presso il reparto di psicosomatica della Clinica Pediatra dell'Universita di Innsbruck ( 1977) dove si avvicina all'approccio sistemico alla malattia mentale, noto poi come Milan Approch. Proseguirà e concluderà la sua formazione in questo indirizzo a Milano, nel periodo 1980- 1985 divenendo, nel momento della sua fondazione, membro e didatta della Società Italiana di Ricerca e Terapia Sistemica (S.I.R.T.S.). Dal 1999 al 2018 è docente presso l' Istituto Europeo di Terapia Sistemo-relazionale di Milano.( EIST riconosciuta MIUR nel 2001). Lascia il Servizio pubblico nel 1992 mantenendo attività di formazione e supervisione per vari servizi socio-sanitari pubblici e docenze a contratto universitarie. Dal 2020 è docente a contratto presso l'Universita di Bergamo per il corso di Alta Formazione sui Disturbi Specifici dell'Apprendimento. Dal 1992 è co-titolare del Centro di Psicologia della Comunicazione e dell'Officina del Pensiero ( Bolzano e Trento) dove svolge e coordina attività di ricerca in particolare nell'ambito di autismo, DSA e ADHD , temi su cui ha prodotto pubblicazioni. Si è sempre impegnata anche per valorizzare la categoria professionale degli Psicologi assumendo la carica di Segretario provinciale del sindacato degli psicologi prima della costituzione dell'Ordine Professionale (1989) è poi quella di primo presidente dell'Odine Provinciale Provincia Autonoma di Bolzano. Dr. Miriam Gandolfi Psicologa psicoterapeuta Bolzano/Trento www.officinadelpensiero.eu 0471/261719