Sconfiggere la nostra follia

0
436

Laura Guerra

Laura Guerra è laureata in Scienze Biologiche e ha conseguito il dottorato di ricerca in Farmacologia all'Università di Ferrara. Si interessa dei trattamenti psicofarmacologici nel contesto psicosociale del disagio emotivo. Pone particolare attenzione ai problemi dell'eta giovanile e infantile.
Recentemente ha tradotto il libro di Peter Breggin "La sospensione degli psicofarmaci. Un manuale per i medici prescrittori, i terapeuti, i pazienti e le loro famiglie".

Lo psichiatra americano Peter Breggin in questo articolo spiega che tutto ciò che riguarda la sofferenza psichica umana, che può essere definita come: follia, pazzia, psicosi, gravi problemi personali, problemi della vita di solito nasce da due conflitti di fondo presenti all’interno dell’individuo.

Uno dei conflitti riguarda il superamento dei sentimenti di impotenza. L’altro riguarda il superamento dei sentimenti di non essere degno o di non meritare di essere amato. Presi insieme questi sentimenti ci fanno sentire l’impotenza di fronte al sentimento di non sentirci degni o di non meritare l’amore

 

La “guarigione”, il superamento cioè di queste emozioni e sentimenti di impotenza e di non sentirsi degni d’amore ci consente di affrontare e vivere bene la nostra vita.

La vita offre molte strade per il recovery e l’autotrasformazione, dalla psicoterapia e l’educazione all’amicizia, alla famiglia, al lavoro, alla natura e alla spiritualità.

La psichiatria tradizionale non considera queste manifestazioni della sofferenza umana come tali, ma affibbia agli individui diagnosi artificiali per giustificare l’uso degli psicofarmaci. Gli psicofarmaci, compromettendo la funzionalità del cervello, possono vanificare gli forzi per uscire dalla sofferenza.

La psichiatria cerca di analizzare le manifestazioni più estreme del disagio umano facendo diagnosi artificiali semplicistiche per giustificare il trattamento farmacologico, scioccando, isolando e / o “trattando” involontariamente l’individuo.

 

(N.B. Gli psicofarmaci danno assuefazione e una sospensione brusca può causare pericolosi effetti di rebound. La sospensione degli psicofarmaci deve essere condotta in modo lento e graduale, sotto controllo medico e con una buona psicoterapia di accompagnamento per superare i problemi che avevano fatto intraprendere l’uso. Per maggiori informazioni vedere il libro di Peter Breggin La sospensione degli psicofarmaci. NDR)

 

Traduzione dell’articolo:

Overcoming the Madness in Us All – Sconfiggere la nostra follia

Per parafrasare Shakespeare, “Un tocco di follia ci rende tutti fratelli”. La follia è una questione del tutto relativa: alcuni di noi ne hanno un “tocco” e altri l’hanno vissuta e ne sono usciti, più di una volta o due. Comprendere la follia di una persona significa in un qualche modo, comprendere quella di tutti, perché queste esperienze hanno molto in comune.

Credo che tutto ciò che chiamiamo follia, pazzia, psicosi, gravi problemi personali, problemi della vita – l’intero spettro della sofferenza emotiva e del fallimento personale – di solito nasca da due conflitti sottostanti presenti all’interno dell’individuo. Poiché la pazzia stessa può essere difficile da definire o trovare un modo comune di definirla, chiedersi se una persona si trova in una situazione di conflitto tra due problemi può aiutare.

Uno dei conflitti riguarda il superamento dei sentimenti di impotenzaL’altro riguarda il superamento dei sentimenti di non essere degno o di non meritare di essere amato. Presi insieme questi sentimenti ci fanno sentire l’impotenza di fronte al sentimento di non sentirci degni o di non meritare l’amore. Comprendere questo significa comprendere molto di ciò che ci spinge come esseri umani “oltre il limite” sia emotivamente che come senso di fallimento personale della nostra vita.

La mia esperienza personale, il mio lavoro clinico e la ricerca di comprendere la vita, mi hanno portato negli ultimi tempi a concentrarmi sempre più su queste due espressioni di vulnerabilità psicologica: sentirsi impotenti e indegni o immeritevoli d’amore.

I sentimenti di impotenza possono essere vissuti in molti modi. L’ansia è la sua esperienza più cruda e primitiva e probabilmente si avvicina di più a ciò che sta vivendo un bambino agitato e turbato. Con l’età, può trasformarsi in vergogna e senso di colpa, nonché rabbia e blocco emotivo. Superare queste emozioni consente di affrontare e vivere bene la propria vita. È perciò necessario identificare queste emozioni negative sottostanti, rifiutando di obbedire e agire a esse e vivere secondo la ragione e l’amore.

A volte lo viviamo come un senso di colpa deprimente, altre volte come un bruciante senso di vergogna o di ansia terrificante, e talvolta tutti e tre contemporaneamente . Possiamo cedere alla frustrazione, alla rabbia e all’ira, ma sotto c’è sempre la paura e l’impotenza. Potremmo sentire voci o vedere cose che gli altri non vedono o più banalmente legarci in nodi con ossessioni e compulsioni. Alla radice c’è l’esperienza umana di base dei livelli infantili di ansia e impotenza, insieme al sentimento di non essere meritevoli di cure umane, attenzione e amore.

Allo stesso modo, mentre ci sono molti modi per superare le crisi personali e la follia, hanno tutti qualcosa in comune: superare i sentimenti di impotenza che sono spesso collegati al sentimento di non essere degni d’amore.

La follia come crescita umana

Quello che intendo per follia è un’esperienza di schiacciante afflizione emotiva che ci fa sentire isolati, abbandonati, spaventati, indifesi e non amabili, o peggio, indegni o immeritevoli d’amore. Come ho sottolineato all’inizio di questo articolo, l’esperienza della follia è del tutto relativa. Per alcune persone può significare vaghi sentimenti di incapacità di far fronte o gestire la vita o la sensazione che accada qualcosa di “strano” o “irreale”. Nella maggior parte degli stati estremi, l’individuo può essere invischiato in un orrendo incubo circondato da allucinazioni. La psichiatria cerca di analizzare le manifestazioni più estreme del disagio umano facendo diagnosi artificiali semplicistiche per giustificare il trattamento farmacologico, scioccando, isolando e / o “trattando” involontariamente l’individuo.

Con un certo grado di trauma, come varie forme di lavaggio del cervello, tortura e abusi incessanti, tutte le persone possono andare incontro alla pazzia estrema. Quando ammiriamo martiri come Socrate, Giovanna d’Arco e l’abolizionista John Brown, è in parte perché in una buona causa hanno trovato la forza di non abbattere e di non ritrattare i loro valori. Tuttavia, oltre agli attuali fattori di stress, la maggior parte delle volte ci sono vulnerabilità profonde dovute all’infanzia che bruciano sotto la follia e che esplodono nella giovinezza o nell’età adulta.

La follia in forma grave è stata definita “stato estremo”, “realtà alternativa”, “travolgimento emotivo” o “crisi psicospirituale”. In genere sembra la fine della nostra vita o la fine del mondo o entrambe le cose. Eppure, tali orribili esperienze possono motivarci a tessere nuovamente il nostro tessuto personale e sociale in una nuova prospettiva e approccio artistico, spirituale o persino politico alla nostra vita.

Da Mosè, Gesù e Buddha a Lincoln, Gandhi e Churchill, le vite delle persone che apprezziamo molto raramente erano “normali” per gli standard psichiatrici. Gli psichiatri hanno diagnosticato a ciascuno di essi etichette degradanti come la schizofrenia, il disturbo depressivo maggiore e il disturbo bipolare. Forse non possiamo diventare completamente umani senza passare attraverso la nostra esperienza di follia o di sconvolgimento terrificante, sia che si manifesti come angoscia adolescenziale, una crisi di mezza età o una vera e propria “crisi psicotica”.

Origini della follia nell’infanzia

Le prove scientifiche che si sono evolute per anni confermano che il trauma infantile , inclusa la negligenza, pone le basi per la follia degli adulti. Dal punto di vista della psicologia dello sviluppo e della teoria dell’attaccamento, ciò che chiamiamo follia deriva comunemente dai buchi o dagli strappi nel tessuto sociale che sono stati intrecciati in noi dall’infanzia.

Come bambini siamo nati in totale dipendenza, con la conseguenza di inevitabili episodi di paura e impotenza. Totalmente incapaci di sopravvivere da soli, siamo stati ripetutamente salvati e trasformati da coloro che ci nutrivano. Coloro che ci crescono creano il tessuto sociale in cui ci sviluppiamo, rendendo le nostre personalità e identità in molti modi inseparabili dalle nostre esperienze con le persone che ci hanno cresciuto. Gli estremi di follia o di sopraffazione emotiva spesso derivano da una mancanza o una lacerazione di questo tessuto sociale interno ed esterno intimamente intrecciato nelle nostre prime vite. Le lotte emotive meno gravi saranno anche alimentate da una minore ma inevitabile esposizione a difficoltà emotive durante l’infanzia.

Ha quindi senso che le “soluzioni” alla follia comportino sempre una guarigione del tessuto sociale interno ed esterno attraverso lo sviluppo di nuovi e migliori approcci alla vita, di solito insieme a relazioni nuove e migliori.

La mia esperienza personale e clinica

Non separo la mia esperienza personale – la mia sofferenza e i miei tentativi di crescita – dalla mia esperienza clinica. In terapia, condivido spesso le mie esperienze personali per chiarire che siamo tutti molto simili sia quando attraversiamo problemi che quando li superiamo e offro la speranza alle persone di trovare la capacità di evolvere positivamente almeno al livello che sembra aver raggiunto. Trovo poco o niente in me stesso che non ho visto negli altri e ciò che vedo negli altri lo vedo anche in me stesso. Questo punto di vista o approccio mi aiuta a mantenere l’umiltà necessaria per aiutare gli altri.

In una presentazione intitolata “Cosa ci fa soffrire e poi recuperare — oppure no“, di recente ho aperto il mio cuore sulla mia serie radio / TV per descrivere l’importanza di sentirmi “indegno di amore”. È un’esperienza, credo che molte persone condividano tra le loro più devastanti paure, ansie e fonti di angoscia.

In una presentazione di follow-up del 1 ° gennaio 2020 , intitolata “Le cose migliori che ho imparato dalla vita”, ho descritto la mia esperienza di “presenza amorevole” nella mia vita e nel mondo. È qualcosa che posso sperimentare tutte le volte che scelgo per il ristoro spirituale. So in prima persona che il percepire o sperimentare la presenza amorevole può riaffermare la nostra fondamentale dignità umana ad amare ed essere amati. Può anche aiutarci a ricordare il potenziale di amore in tutte le persone.

Sulla base della mia esperienza personale e clinica, credo che la più grande sfida o minaccia per le nostre identità e salute mentale derivi dalla paura di essere indegni di ricevere amore. Non possiamo migliorare completamente questa paura da soli, ma dobbiamo invece affidarci in parte a risorse al di fuori di noi stessi che invitino, incoraggino, esemplifichino o attingano alla nostra capacità di sentire e dare amore.

Questo è il principio della mia saggezza: Prima di tutto c’è l’amore e poi viene tutto il resto, tutte le cose terribili e demoralizzanti, incluso il crollo del nostro senso di sé e della nostra relazione con gli altri, che finisce con il sopraffarci e renderci folli. L’amore per gli altri, la natura, l’arte, gli animali domestici – l’amore per qualsiasi aspetto della vita – è incompatibile con la follia e fornisce una guida attraverso la follia a una vita migliore. E c’è una presenza amorevole nell’universo su cui possiamo trarre sollievo e ispirazione.

Diventare un essere umano amorevole rappresenta per molti una grande sfida. Per mantenere la nostra promessa, dobbiamo ancora una volta, nelle parole di Shakespeare, superare “le imbragature e le frecce della fortuna oltraggiosa”. Dobbiamo superare la nostra stessa natura umana con tutti i suoi difetti e contraddizioni interne e la storia del nostro sviluppo con le sue carenze e i conflitti acquisiti. Questo è il nostro compito e la nostra avventura e non finisce mai finché siamo vivi e, chissà, potrebbe continuare oltre la vita.

Psichiatria e follia

Il nostro compito per tutto il corso della nostra vita e l’avventura di affrontare la vita con la ragione e l’amore possono essere vanificati dall’esposizione agli psicofarmaci o altre sostanze psicoattive. Questo perché tutto ciò che interferisce ampiamente con la funzione del nostro cervello comprometterà la funzione del lobo frontale, il che ci renderà più difficile amare, relazionarci con gli altri e affermare valori più alti.

Le diagnosi di follia come quelle di brevi psicosi, disturbo bipolare, schizofrenia, disturbo depressivo maggiore e attacchi di panico vengono create e applicate alle persone al fine di giustificare il potere della psichiatria e dei suoi trattamenti fisici, che fanno tutti più male che bene . Nell’ultima metà del secolo, questa autorità psichiatrica è diventata nient’altro che il vile e avido reparto vendite dell’Impero farmaceutico.

Noi siamo molto di più del nostro cervello, ma la disfunzione cerebrale indotta dal farmaco compromette la nostra capacità di conoscerci ed esprimerci come anime, esseri o persone. La psicoterapia può aiutare, a condizione che sia protetta da restrizioni etiche e si adatti alla nostra natura e ai nostri bisogni personali, ma nessun aiuto, consiglio o incoraggiamento ci aiuterà senza trovare la determinazione e il coraggio per superare i nostri sentimenti di impotenza e le nostre emozioni negative della nostra infanzia, inclusa la nostra convinzione che siamo indegni di amore.

Come possiamo migliorare la follia?

Molti terapisti esperti stanno trovando un terreno comune nella loro enfasi sullo scartare il modello medico e gli psicofarmaci e sostituirli con relazioni di cura. Lo psicologo Michael Cornwall riassume la sua esperienza e modo di affrontare le cose in “Reflections on 25,000 Hours of Being With People in Extreme States” (Riflessioni di 25.000 ore di vita con persone in stati estremi). In un saggio autobiografico, sottolinea l’importanza dell'”amore compassionevole“. Lo stesso Michael ha affrontato uno stato così estremo che ha superato da giovane: “La mia particolare esperienza durante i miei stati estremi potrebbe essere descritta da periodi angosciosi di essere attaccato da voci tortuose senza corpo, mentre immagini terrificanti e inevitabili (dalle quali non potevo scappare) riempivano la mia mente”.

Analogamente a Michael, in uno dei miei primi libri, Toxic Psychiatry, ho iniziato a riferirmi ai cosiddetti disturbi psichiatrici come esperienze di “sopraffazione emotiva” e anche come “crisi psicospirituali”, che anche la frase di Michael “stati estremi” descrive bene. La mia enfasi sull’amore e sull’empatia è in accordo alla sua idea di amore compassionevole.

Ecco le prime tre delle mie 15 Linee guida per la terapia empatica ®:

  • Facciamo tesoro di coloro che cercano il nostro aiuto e consideriamo la psicoterapia come una fiducia sacra e inviolabile. Con umiltà e gratitudine, onoriamo il privilegio di essere terapeuti.
  • Facciamo affidamento su relazioni basate sulla fiducia, l’onestà, la cura, l’impegno genuino e il rispetto reciproco.
  • Tiriamo fuori il meglio di noi stessi per tirar fuori il meglio dagli altri.

Queste tre linee guida, se applicate a tutte le nostre relazioni, costruiranno una buona vita per noi e per coloro che ci sono vicini e cari. Ci consentiranno anche di aiutare gli altri con cui ci relazioniamo, professionalmente o no.

L’ultima fonte d’amore?

Per essere più felici e soddisfatte, le persone devono pensare e agire con amore sincero. Ma come può essere fatto, dato che le persone inaffidabili, irregolari e malvagie possono essere nel modo in cui si trattano? Come possiamo vivere intrisi di amore quando anche la relazione umana più amorevole può essere distrutta dalla morte? Chiunque ci abbia pensato sa che non possiamo vivere secondo il motto “In altre persone di cui ci fidiamo”.

Gli esseri umani sono profondamente imperfetti e molti non riescono ad avvicinarsi ad agire secondo i nostri standard, almeno in certi periodi della vita.

Ancora peggio, alcune persone gestiscono il proprio senso di non sentirsi degni facendo sentire inutili le altre persone.

Dati i difetti in tutti noi, non c’è da meravigliarsi che molte persone trovino guarigione attraverso la fede in un Dio amorevole. Qui la spiritualità o la religione possono unirsi alla psicologia con una comprensione del bisogno universale di sentirsi degni d’amore e, in definitiva, di dare e ricevere amore. Allo stesso modo, non c’è da meravigliarsi che così tante persone si rivolgano a un potere superiore per trovare forza, che è in definitiva la forza di superare i sentimenti di impotenza che ci hanno afflitto fin dall’infanzia.

Un luogo ideale per la guarigione, quella che una volta era chiamata comunità terapeutica, e un luogo di culto o chiesa, dovrebbe avere in comune la creazione di uno spazio pieno d’amore in cui le persone si sentono in grado di affrontare e superare la loro impotenza emotiva. Lo stesso vale per l’ambiente della psicoterapia, che può essere visto come un ambiente ideale in cui la ragione e l’amore sono le regole della relazione. In definitiva, questo è tutto ciò che riguarda tutte le relazioni buone e intime: superare i sentimenti di impotenza e i sentimenti correlati di sentirsi indegni d’amore.

Come possiamo riconoscere l’amore o una relazione d’amore? Da come ci porta a provare gioia nell’esistenza di altri esseri umani e da come porta tutti i soggetti coinvolti a prendersi cura di loro, rispettarli, proteggerli e nutrirli.

Tutto ciò che c’è di positivo tra gli esseri umani parte e si sviluppa dalle relazioni amorevoli e che rafforzano. L’amore e l’autodeterminazione sono gli ingredienti più essenziali in tutte le attività che chiamiamo terapia, guarigione, recovery, riabilitazione, auto-determinazione, crescita personale o illuminazione. Superare i nostri sentimenti di impotenza e diventare una fonte di amore sono le cose più meravigliose che possiamo fare per noi stessi e gli altri. La vita offre molte strade per il recovery e l’autotrasformazione, dalla terapia e l’educazione all’amicizia, alla famiglia, al lavoro, alla natura e alla spiritualità. Al centro di ogni crescita personale c’è l’esperienza di sentirsi in grado di amare ed essere amati, che ci porta oltre noi stessi a una consapevolezza gioiosa e preziosa di tutto ciò che è buono in noi stessi, negli altri e nella vita.

 

Note sull’autore: https://breggin.com/ Il Dr. Breggin è stato definito “La Coscienza della Psichiatria” per i suoi decenni di successi nel riformare il campo. Critica gli psicofarmaci e l’ECT (elettroshock), e promuove terapie più premurose, empatiche ed efficaci. Il suo ultimo libro è Guilt, Shame and Anxiety: Understanding and Overcoming Negative Emotions.

[Le parti del testo in grassetto, non presenti nel testo originale, sono state evidenziate dalla traduttrice]

SHARE
Previous articleStoria di Guido – Un caso o la norma?
Next articleMalattia mentale. L’ipotesi che costruisce malati
Laura Guerra è laureata in Scienze Biologiche e ha conseguito il dottorato di ricerca in Farmacologia all'Università di Ferrara. Si interessa dei trattamenti psicofarmacologici nel contesto psicosociale del disagio emotivo. Pone particolare attenzione ai problemi dell'eta giovanile e infantile. Recentemente ha tradotto il libro di Peter Breggin "La sospensione degli psicofarmaci. Un manuale per i medici prescrittori, i terapeuti, i pazienti e le loro famiglie".