30 C
Rome
mercoledì, 18, Maggio, 2022

Chiara Biraghi

3 POSTS 0 COMMENTS
Sono mamma di due ragazzi di 15 e 17 anni che si è riqualificata nel marketing digitale dopo 7 anni di farmaci psichiatrici, 4 per tornare alla vita, un paio di assestamento e finalmente l’energia per ricominciare a studiare, formarmi e riqualificarmi per avere la dignità personale, sociale e professionale che la psichiatria mi ha sottratto. Sono coinvolta nel progetto perché ritengo di essere stata vittima di un’ingiustizia in quanto non c’è mai stata una diagnosi che giustificasse l’uso di quei farmaci e la mia vulnerabilità è stata calpestata senza motivo. Collaboro per testimoniare che si possono trovare le forze per ribadire che ogni essere umano ha diritto di scegliere come essere assistito e che spesso i farmaci psichiatrici non risolvono ma aggravano e addirittura creano il problema che porterà poi alla diagnosi. Voglio testimoniare soprattutto che la diversità è un valore di pregio altissimo che solo una sottocultura strisciante non comprende e anzi condanna.