Ironia, autoironia e ridere di gusto!

0
277
Susanna Brunelli

Ironia, autoironia e ridere di gusto!

 Aspetti fondamentali per stare bene o meglio dal mio punto di vista

Cosa comporta prendersi troppo sul serio?

Prendersi troppo sul serio comporta rigidità, frustrazione…

Personalmente penso che prendere tutto troppo seriamente abbia a che fare col voler tenere tutto sotto controllo. Con la mia esperienza ho verificato che forzare gli eventi e volendo che vada tutto secondo le proprie aspettative è deleterio: prima o poi la vita ti scardina le forzature e allora corri il rischio che ti cada tutto addosso. Ti spiazza, come se ti sfuggisse tutto dalle mani, non ti ritrovi più, una sensazione di spaesamento rompe lo schema del perfezionismo, niente è più così controllabile e ti trovi in balia degli eventi.

Cosa succede invece se ti fidi e ti affidi alla vita? Panta Rei = tutto scorre 

Traslitt. della locuz. gr. di πάντα ῥεῖ «tutto scorre». Proposizione con cui gli eraclitei esprimono l’eterno divenire della realtà, paragonando quest’ultima a un fiume che solo apparentemente rimane uno e identico, ma che in effetti continuamente si rinnova e si trasforma, sicché non è dato tuffarsi in esso più di una volta, perché la seconda volta – a rigore – non è lo stesso fiume della prima. Questa concezione costituisce l’antitesi di quella dell’assoluta eterna unità e immutabilità dell’essere, affermata dalla scuola elatica.

Quando ci si sostituisce a DIO e si crede di avere superpoteri, prima o poi la vita ti presenta il conto, ti fa capire che hai preso il posto di “qualcun altro”: il Divino, il Supremo, Colui che tutto domina, la Vita, l’Universo, Dio o come lo si voglia chiamare, si abilita e si attiva per far crollare i castelli che ci siamo costruiti, i deliri di onnipotenza o credere di poter essere sempre in prima linea, fa sì che si trasformi tutto in pensieri confusi, malati, condizionati e spesso incomprensibili agli altri. Solo una sincera autoanalisi e una buona psicoterapia o un percorso di autoconoscenza  possono condurre ad un equilibrio autentico che ti permette di vivere nel qui e ora.

La vita non fa sconti, se c’è qualcosa che non va nel nostro approccio ad essa, il conto arriva e a volte è veramente molto salato.

Come si previene? 

Prendere la vita in modo leggero, che non significa superficiale, fa sì che tutto scorra adattandosi come l’acqua che prende forma secondo il recipiente che la contiene.

Una modalità affascinante da tutti i punti di vista

Arrivano così situazioni sfidanti, ma anche opportunità, persone, situazioni favorevoli, se solo le diamo la possibilità di agire secondo ciò che dobbiamo imparare.

Sorridere dei nostri limiti auto ironizzando, scherzare e ridere di gusto ha un potere naturale; il pensiero, la parola e il dialogo interiore si connettono al flusso che scorre senza impedimenti, ma quanto è difficile fidarsi ed affidarsi rimanendo aperti e ricettivi?

La questione lascia il tempo per riflettere, ma non mi soffermerei troppo a riflettere, meglio mettersi nell’ottica che cambiare modo di pensare è opportuno e utile, ridere di gusto alleggerisce la vita, una pratica che si può anche utilizzare come terapia, la terapia della risata, se la si integra nel nostro stile di vita, toglie rigidità al nostro pensiero.

Per concludere dico OH OH, AH AH! Molto bene, molto bene, molto bene! Yeaaaa!!!

Tra lo “spintaneamente” e lo spontaneamente, la vita ti sorride!

Bibliografia

https://youtu.be/arrEo0a6wDQ

https://terenzio.net/

https://youtu.be/jYt5UCndRgo

susi.brunelli@gmail.com

SHARE
Previous articlePositivismo e Psichiatria – La Scienza del Committente
Next articleLa battaglia di Mentana contro i garibaldini di Mat
Il mio nome è SUSANNA, dal 1963, ma sono rinata il 18 marzo 2019. La mia vita è ricca di episodi e di esperienze gioiose, ma anche molto tristi e drammatiche. Non c'è bene o male, giusto o sbagliato, ma solo ciò che evidentemente serviva per portarmi dove sono ora. Da molti anni conosco l’ambiente psichiatrico, prima come familiare, poi, per un periodo relativamente breve ma intenso come l’inferno, ho vissuto un'esperienza come diretta interessata. Tutto il resto lo racconto a chi mi vuole leggere o ascoltare oppure conoscere personalmente. Il mio motto è: TUTTO E’ POSSIBILE !