“METANOEITE” – Realizzazione dell’opera grafica di Susanna Brunelli

0
159

Quando la creatività ritorna ad occupare uno spazio importante nella vita è un segno inequivocabile che il desiderio è tornato, la vita spinge e vuole esprimersi al meglio con chiarezza, immaginazione, energia vitale… tutto arriva per intuizione! 

Unita alla lotta contro lo STIGMA e i pregiudizi nei confronti delle persone affette da disturbi mentali              

Realizzazione dell’opera grafica di Susanna Brunelli

VERONA

TITOLO:

“METANOEITE”

Premessa: Mi è stata presentata la possibilità di partecipare a un concorso che ho trovato subito molto stimolante in quanto convivo da

molti anni, purtroppo, con l’ambiente psichiatrico.

Prima come famigliare e in un secondo momento come “utente”, “cliente”, “paziente certificata”.

Subito mi sono chiesta cos’è per me lo Stigma e il disturbo mentale e la mia mano mi ha guidata fino a realizzare questa opera che è frutto di molti anni di esperienza personale, conoscenza, studi, approfondimenti, corsi, predicazioni, lezioni, “workshop” – “work shock”, tutto ciò che riguarda la formazione e la crescita personale.

Dallo Studio della Bibbia alla Fisica Quantistica, dalla ricerca della Verità alla scoperta della Consapevolezza dell’Essere.

La chiamo “METANOIA” in quanto per me non esiste cambiamento se non c’è un reale cambio di Paradigma, pensiero e azione.

“Se fai sempre le stesse cose ottieni sempre lo stesso risultato”.

Quindi… anche per me è valsa questa teoria che si è trasformata in pratica.

 Tecnica: Opera grafica realizzata su fogli da fotocopia A4 incollati tra loro fino ad arrivare alla dimensione di 70 X 60 cm dalla forma ovoidale. Ho usato solo pennarelli colorati e pochissimo colore a matita

Istruzioni per l’uso: Questa opera grafica va guardata attentamente, nei suoi particolari, deve e può essere letta in tutte le sue parti, condivisa, discussa con chi desidera confrontarsi.

Potrebbe essere usata come una sorta di “mappa” per chi la guarda, per verificare da che parte si trova al momento, individuando personalmente in quali situazioni o emozioni si riconosce o che risultano familiari.

Alcune parole o termini possono valere sia a sinistra che a destra a seconda dell’interpretazione personale, es parole tipo: limitazione, crisi, reazione, serietà, controllo…

 Rappresentazione: Questo disegno rappresenta due Neuroni speculari, quello di sinistra rappresenta per me ciò che comporta la MALATTIA mentale o disagio psichico, fisico o Spirituale, tutto ciò che porta DISARMONIA

Il NO che non accetta e rifiuta.

In quello di destra invece tutto ciò che porta ad uno stato di “Benessere Globale”, “BENATTIA”, Gioia, “Salvezza”, ARMONIA

Il SI che accoglie e accetta.

Il CUORE è al centro per indicare che tutto ciò che viene detto e fatto con Amore avrà successo e prosperità, ma nella parte sinistra il Cuore è legato e spezzato dal dolore, dalla sofferenza e dalla chiusura.

Faccio riferimento ad alcuni versetti Biblici perché li trovo di grande rivelazione ma non mi soffermo su questo e invito chi è interessato ad andarseli a leggere.

La data 18 Marzo 2019 è il giorno in cui ho sentito che la mia Salvezza dipendeva da ciò che ne avrei fatto di questa esperienza.

Al Centro c’è sempre il PRESENTE, il PASSATO è già stato e il FUTURO non è ancora nel QUI E ORA.

La “SORGENTE DIVINA” regola tutte le cose ed E’ al di sopra di ogni cosa

C’è una dualità che deve essere in equilibrio e attraverso i 5 punti della RECOVERY: Blocco, Accettazione, Crederci, Apprendimento, Basarsi sulle proprie forze, si arriva alla consapevolezza delle proprie risorse e ad una conseguente evoluzione.

La dualità che fa parte di un intero

LUCE e OSCURITA’ sono sempre presenti, PAURA e CORAGGIO fanno parte della stessa medaglia.

La “SALVEZZA” si ottiene quando si raggiunge un equilibrio tra

PNEUMO – PSICO – SOMA

La miriade di parole scritte a sinistra e a destra sono una raccolta di vocaboli che indicano le varie situazioni nella Vita di un essere umano.

Vorrei far notare nella parte destra le spirali che creano movimento ed energia, la vitalità dell’acqua che si muove, bagna e rigenera la vita, a differenza della parte opposta dove tutto è più rigido, frastagliato, poco definito, arido.

 Situazioni MORTALI o VITALI, di PACE o di GUERRA

DIPENDENZA o INDIPENDENZA, AMORE o ODIO

USIOGOPE = NON TEMERE (in lingua Swahili)

Il PERDONO = Libertà

ZOE = Vita piena, appagata

 

Testimonianza

Ci è voluto circa un anno e mezzo per resettarmi.

Finalmente il mio “sistema operativo” si è formattato.

Era full e non ci stava più nulla, volevo inserire una nuova applicazione ma prima dovevo eliminare nella memoria file obsoleti.

Il sistema era andato in burnout e mi sono disconnessa dalla scheda madre, dalla Matrice Divina.

Ora non ha più importanza cosa c’era dentro perché l’ho sostituito con nuovi programmi aggiornati di Gioia e non di Noia.

Per inserire nuovi programmi ho dovuto aspettare che il sistema si ripulisse da tutto ciò che occupava spazio e riempiva la memoria di ricordi, mantenendo solo quelli sempre attuali ed efficaci.

Tipo: Amore per DIO, la Vita, la famiglia, l’amicizia, il lavoro, le relazioni, gli animali, le piante, la Natura e Madre Terra che non è una parola alla New Age ma è proprio lei che ci accoglie che ci abbraccia e che ci sostiene in questa densa dimensione terrena.

Ma c’è anche l’Anima e lo Spirito oltre che al Corpo che ci permette di percepire con i sensi le cose materiali.

Se il Triangolo non è equilatero funziona in parte e la connessione è molto lenta, si va per tentativi …a volte c’è a volte non c’è!

Sempre un po’ in balia del “sistema”.

A mio avviso non è frequentando le migliori scuole, le migliori chiese, le migliori agenzie di comunicazione che ci formano, ma tutto ciò che offre gli strumenti per Conoscere, Gioire nella piena Libertà di gestire ogni area della nostra vita e soprattutto la consapevolezza di dove si vuole stare, andare, fare, dire e come ci si vuole sentire.

Il “ GURU “ di qualsiasi denominazione che sia Cristiano cattolico, che sia Protestante, Evangelico, Carismatico, Sciamano, Legalista, Catechista, Buddista, “Yoghista”, “Geovista”, “Ritualista”, “Sportivista”, “Risatista”, “Disciplinarista”, Dianetics, “Scientologista”, Conformista o Anticonformista, Tradizionalista o Rivoluzionario, “Accademico”, Politicista”, Anarchico, Bianco, Nero …”Colorato”, Etero e non Etero, Insegnante, Laureato, Dottore, Prete,  Pastore, Guaritore, Venditore, datore di lavoro, operaio, zappatore della terra o chiunque altro vuole mettersi sul pulpito e sostituirsi a DIO non è meritevole di attenzione.

SECONDO ME!

Dico questo perché ritengo che la fonte di molti disturbi mentali, emotivi ed emozionali dipendono da un forte condizionamento che crea dipendenze, credenze limitanti, insicurezze, paure, restrizioni, malattie fisiche e tutto quello che troverete nella parte sinistra del mio poster.

Spesso penso che le persone non sono malate ma semplicemente Male _ educate.

Non sono a conoscenza di come funzioniamo, siamo come strumenti senza libretto d’istruzione.

Oggi come oggi questo mio sentire lo sento forte e chiaro dentro di me.

IO Desidero vivere il Presente e mettere sempre Dio al primo posto, è LUI e solo LUI il Re dei Re

Sono consapevole che non sono perfetta e che sempre devo imparare con umiltà e obbedienza ma solo da chi sento libero da voler esercitare controllo, possesso, attaccamento, che agisce per il mio bene e non secondo le sue convinzioni, paure, giudizi, pregiudizi, credenze, preoccupazioni, interessi personali e abuso della propria autorità, su di me.

Che sappia Io c’è solo Dio che fa quello che dice e dice quello che fa! Se non è Dio, per qualcuno sarà la Vita, il Destino, la Matrice Divina, la Fonte, La Forza, l’Universo, La Natura, il soprannaturale…

A me non piacciono le Separazioni, le limitazioni, le classificazioni, le esclusioni e le imposizioni.

E’ arrivato il momento di non accontentarsi ma di mettere in atto tutto ciò che ho appreso e acquisito in tutti questi anni di ricerca e impegno, studio, prove, sofferenza e sopportazione, ho seminato e sto raccogliendo i primi frutti, l’esperienza è stata molto forte e nulla sarà mai più come prima.

Spero che quello che sto vivendo non sia una illusione ma una conseguenza del fatto che l’inferno non mi piace affatto.

Qualcuno la chiamerà brutta esperienza, un trauma molto forte, un abuso… Ma sicuramente, secondo la mia esperienza personale e sottolineo secondo me, ha a che fare e vedere con una privazione, mancanza o assenza di qualcosa che impedisce di realizzare lo scopo della propria Vita, scarsa consapevolezza di sé e disuso del Talento che ogni persona ha a disposizione secondo ciò che la Natura gli ha dato.

So per certo che ognuno ha uno scopo nella vita e le esperienze vissute non sono mai fine a sé stesse ma in funzione di realizzare tale scopo.

Quando non avviene questo processo subentra la “malattia” o il disagio che crea disarmonia, che può essere fisica o mentale e allora dobbiamo fare i conti con la nostra vera essenza, spogliarsi degli abiti vecchi e sostituirli con abiti nuovi, puliti e freschi, cambiare Paradigma, rinnovare la nostra mente, il nostro modo di pensare.

Riappropriarsi della propria vita e trovare la pace interiore attraverso ciò che ci fa sentire bene.

Vivere secondo la mia natura e i miei valori è ciò che al momento mi rende forte e presente a me stessa.

Creatività, sorriso, entusiasmo, altruismo, amore per la vita, cucina, arte, lavoro, natura, persone, cose,  animali, il proprio fisico.

Rispetto al primo posto, empatia, simpatia, desiderio, preghiera, coraggio, audacia, auto affermazione, autocritica, auto osservazione, auto ascolto, sessualità, libertà di espressione, autostima e il piacere di condividere, confrontarsi, ascoltare, lavorare, dipingere, comunicare, relazionare, accogliere, esortare, dare speranza, sperimentare, apprendere, ridere, cantare, ballare, gioire, muoversi…

Tutto questo si ottiene, secondo me, con la Gratitudine, la Gratuità e una cosa fondamentale per la Libertà, che è il PERDONO.

Non si può trovare la pace interiore se non c’è Perdono per gli altri e anche per sé stessi.

La vita Spinge e a volte qualcuno o qualcosa o molto spesso noi stessi cadiamo vittime dell’EGO e ci disconnettiamo dalla Matrice Divina, Colei che ci ha tessuta fin da prima della nostra nascita.

C’è sempre un altro modo di vedere le cose e di pensare.

Finché non si cambia il modo di pensare nulla cambia nella nostra vita.

E’ una questione di scelta, la scelta di decidere come affrontare le cose che accadono indipendentemente dalla nostra volontà e anche indipendentemente dalla volontà altrui, es: Genitori, parenti, amici, conoscenti …

Non conformatevi a questo mondo ma siate trasformati mediante il rinnovamento della mente… Affinché conosciate per esperienza la buona, accettevole e perfetta volontà di DIO ( Romani 12: 2)

Purtroppo ci conformiamo fin da piccoli al sistema di questo mondo e siamo stati de-formati e programmati dal sistema che comprende le varie istituzioni: famiglia, scuola, credo religioso, ambientale, politico, sociale, culturale…

Ora, non cerco approvazioni, consensi, autorizzazioni, permessi; accetto le critiche costruttive, le spiegazioni logiche, il confronto, le verifiche, tutto ciò che è detto con amorevolezza.

Conclusione: sono rivolta verso una continua evoluzione spirituale, la consapevolezza dell’Anima e il rispetto per il mio corpo, tutto sotto forma di “BENATTIA” anziché di “MALATTIA”

Voglio dare agli altri quello che vorrei fosse fatto a me.

Per quanto mi riguarda ho molte cose da mettere a disposizione del prossimo e se desidero un mondo diverso, il cambiamento deve partire da me stessa.   Quantisticamente parlando l’osservatore modifica l’osservato

Ci sono cose che si possono cambiare, cose che si devono accettare e altre cose delle quali è necessario assumersi la responsabilità.

IL GRAN SOGNO DELLA VITA E’ UNO SOLTANTO: LA VOLONTA’ DI VIVERE

 (Shopenhauer)

 Susanna Brunelli 

susi.brunelli@gmail.com

 

 

 

SHARE
Previous articleI pescatori di anime
Next articleUna foresta è vitale, non perché ha tanti alberi, ma perché sono in comunicazione tra loro
Il mio nome è SUSANNA, dal 1963, ma sono rinata il 18 marzo 2019. La mia vita è ricca di episodi e di esperienze gioiose, ma anche molto tristi e drammatiche. Non c'è bene o male, giusto o sbagliato, ma solo ciò che evidentemente serviva per portarmi dove sono ora. Da molti anni conosco l’ambiente psichiatrico, prima come familiare, poi, per un periodo relativamente breve ma intenso come l’inferno, ho vissuto un'esperienza come diretta interessata. Tutto il resto lo racconto a chi mi vuole leggere o ascoltare oppure conoscere personalmente. Il mio motto è: TUTTO E’ POSSIBILE !