Diritti umani e salute mentale globale – Sfide, opportunità e prospettive per il futuro

0
159

Laura Guerra

Laura Guerra è laureata in Scienze Biologiche e ha conseguito il dottorato di ricerca in Farmacologia all'Università di Ferrara. Si interessa dei trattamenti psicofarmacologici nel contesto psicosociale del disagio emotivo. Pone particolare attenzione ai problemi dell'eta giovanile e infantile.
Recentemente ha tradotto il libro di Peter Breggin "La sospensione degli psicofarmaci. Un manuale per i medici prescrittori, i terapeuti, i pazienti e le loro famiglie".

Pubblichiamo l’intervista di Dainius Pūras rilascita su Mad in America.

Dainius Pūras medico e difensore dei diritti umani e relatore speciale delle Nazioni Unite sul Diritto universale al godimento del migliore livello di salute raggiungibile.

Da quando è stato nominato al Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite nel 2014, Pūras ha spinto per un cambiamento di paradigma nella cura della salute mentale. Durante il suo mandato, ha scritto diverse relazioni che sottolineano l’importanza dei determinanti sociali della salute, criticando il dominio del modello biomedico e la medicalizzazione della depressione. Mentre il suo lavoro è stato occasionalmente accolto con derisione da alcune istituzioni psichiatriche tradizionali, continua a porre attenzione alle pratiche coercitive e alle violazioni dei diritti umani e a chiedere maggiori investimenti in approcci basati sui diritti per l’assistenza alla salute mentale e la prevenzione del suicidio.

 

Dainius Pūras è medico e difensore dei diritti umani. Attualmente sta svolgendo l’ultimo anno del suo mandato come relatore speciale delle Nazioni Unite sul Diritto universale al godimento del migliore livello di salute raggiungibile. È anche professore all’Università di Vilnius, in Lituania, e direttore del Human Rights Monitoring Institute, una ONG con sede a Vilnius.

Pūras è un attivista per i diritti umani da 30 anni coinvolto in attività nazionali, regionali e globali che promuovono politiche e servizi basati sui diritti umani, con particolare attenzione alla salute mentale, alla salute dei bambini, alle disabilità e alla prevenzione della violenza e della coercizione. È stato membro del Comitato delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia dal 2007 al 2011.

Da quando è stato nominato al Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite nel 2014, Pūras ha spinto per un cambiamento di paradigma nella cura della salute mentale. Durante il suo mandato, ha scritto diverse relazioni che sottolineano l’importanza dei determinanti sociali della salute, criticando il dominio del modello biomedico e la medicalizzazione della depressione. Mentre il suo lavoro è stato occasionalmente accolto con derisione da alcune istituzioni psichiatriche tradizionali, continua a porre attenzione alle pratiche coercitive e alle violazioni dei diritti umani e a chiedere maggiori investimenti in approcci basati sui diritti per l’assistenza alla salute mentale e la prevenzione del suicidio.

In questa intervista, Pūras illustra la sua esperienza come psichiatra, la decisione di occuparsi dei diritti umani, i suoi obiettivi per le relazioni delle Nazioni Unite e il futuro dell’assistenza alla salute mentale basata sui diritti.

La trascrizione di seguito è stata modificata per lunghezza e chiarezza. Ascolta l’audio dell’intervista qui.

Ana Florence: vorrei iniziare parlando un po’ della tua carriera. Come hai deciso di diventare uno psichiatra?

Dainius Pūras: Oh, è una lunga storia. Prima di tutto, ho deciso di studiare medicina, e questa è stata una decisione controversa perché esitavo a scegliere tra le scienze sociali, umanistiche e naturali. In qualche modo sentivo che forse la medicina sarebbe stata come raggiungere diversi obiettivi contemporaneamente. Poi, quando ho iniziato a studiare medicina, mi sono subito reso conto che riparare le parti del corpo — diagnosticare e curare le parti del corpo — anche se molto importante, non era poi così interessante per me.

Per me, la medicina aveva un potenziale maggiore; qualcosa legato ai valori etici e alla filosofia. È così che, al terzo anno, mi divenne chiaro che avrei scelto la psichiatria. Quindi alla facoltà di medicina della mia università decisero di occuparsi di psichiatria infantile, cosa che prima non facevano, e mi offrirono un posto come assistente professore in Psichiatria Adolescenziale. È così che ho iniziato la mia carriera. Non me ne sono mai pentito, ma il mio rapporto con la professione medica ha sempre avuto delle tensioni.

 

Florence: dove esercitavi quando hai iniziato, come ti sembrava il tuo lavoro?

Pūras: erano i primi anni ’80 del secolo scorso e la Lituania era ancora occupata dall’Unione Sovietica. Durante i miei primi 10 anni di pratica medica, praticavo una psichiatria e una psichiatria infantile di tipo sovietico. Forse, paradossalmente, questo mi ha aiutato a diventare sensibile ai diritti umani e a rimanervi sensibile poiché era una scuola piuttosto cinica. La scuola di psichiatria sovietica aveva l’idea che i fattori di rischio potessero essere solo nel cervello in quanto il gioco della Guerra Fredda suggeriva che l’Unione Sovietica avesse sradicato tutti i possibili fattori psicosociali perché aveva sconfitto il capitalismo.

Ora può sembrare strano ai miei colleghi occidentali, che erano dall’altra parte, ma i sovietici hanno giocato un gioco cinico, sostenendo che non avevano problemi sociali, quindi non hanno mai sviluppato servizi comunitari. Non avevano assistenti sociali e nemmeno psicologi, e la psichiatria e la psichiatria infantile erano piuttosto brutali. Sfortunatamente, ciò che ho imparato dai miei supervisori è stato come non praticare la psichiatria. Li rispetto come esseri umani, erano brave persone, ma rappresentavano quella teoria e quella pratica, che mi ero ripromesso di fare di tutto per cambiare.

Questo era il sistema al quale ero davvero allergico e posso dire di odiare queste idee. Mi chiedevo perché gli altri le accettassero. Infatti, avevo molti colleghi che sostenevano: “Questo è il sistema, quindi dobbiamo lavorare e forse ridurre al minimo i danni”. E io dicevo: “No, noi dobbiamo cambiare il sistema!” È così che sono iniziate le mie idee ribelli. In seguito, mi sono reso conto che questi problemi esistono ovunque, sono globali e non sono solo nella mia regione.

All’inizio degli anni ’90, quando tutte queste pacifiche rivoluzioni avvennero nell’Europa orientale, con l’avvento della democrazia e l’indipendenza delle nazioni occupate, ero felice di iniziare a muovermi verso la realizzazione di molte di queste idee. All’inizio, lavoravo con bambini con disabilità intellettive, e questo era in realtà l’argomento del mio dottorato. Conoscevo personalmente tutte le famiglie di quei bambini nella capitale della Lituania.

Quindi ho fatto ricerche. Viaggiavo spesso a Mosca. Se facevi ricerche negli anni ’80 in qualsiasi altro campo medico, come cardiologia, nefrologia, malattie infettive o pediatria, potevi farlo in lingua lituana, ad eccezione della psichiatria e della psichiatria infantile. Queste erano sotto il controllo ideologico perché non si potevano toccare fattori sociali o psicologici. Dovevi medicalizzare tutto il più possibile per dimostrare che i problemi sociali non esistevano ma, in realtà, esistevano!

Sognavo cambiamenti in cui potevamo liberare non solo i pazienti da questo sistema molto inefficace e dannoso, ma anche il campo della psichiatria perché la psichiatria era ostaggio di questa ideologia. La psichiatria era anche, come sappiamo, a quel tempo, usata per scopi politici.

Queste persone con cui incontravo famiglie e bambini erano in realtà i miei insegnanti. Mi insegnavano, diciamo, psichiatria etica. Quello che ho capito in seguito è che mi stavano insegnando che se togli i diritti umani dalla psichiatria, allora la psichiatria diventa pericolosa e tossica.

Florence: Sembra che fin dall’inizio tu fossi molto consapevole del ruolo dell’ideologia nella psichiatria. Mi chiedo come quella ribellione e, come si può definire, la tua allergia a quel sistema abbiano influenzato il tuo lavoro. Quali sono le cose che sei stato in grado di fare per sfidare il sistema?

Pūras: stavo aspettando una qualsiasi opportunità perché il sistema sovietico era un sistema totalitario. Non era possibile istituire organizzazioni non governative. Era un’attività criminale. Nel 1989, quando si potevano sentire i venti del cambiamento, ho fondato una organizzazione di genitori.

Nel 1989, potevi fare tutto, perché finalmente c’era la democrazia! E ho invitato tutti questi genitori dicendo loro “tutto è nelle vostre mani”. Ora era possibile usare la democrazia e imparare dai genitori di altri paesi come fare pressione sui governi affinché i propri figli avessero una vita dignitosa.

All’inizio, i genitori volevano andare a Londra e a New York in modo che i loro figli potessero essere operati al cervello perché erano ossessionati dal pensiero biomedico che insegnava che questi bambini erano solo malati e qualcuno poteva curarli. Ma ai genitori è bastato forse un anno per passare al modello che chiamiamo ora modello sociale o approccio basato sui diritti umani.

Si sono resi conto che il loro obiettivo principale era che i loro figli vivessero con dignità. Inoltre, quando i genitori non volevano che, alla loro morte, i loro figli adulti venissero trasferiti in orribili istituzioni, come succedeva in quella parte del mondo.

Sono molto orgoglioso di aver fondato un’organizzazione chiamata HOPE. È una delle maggiori associazioni in questa parte del mondo. Siamo molto amici di questi genitori e della nuova generazione di genitori e loro ne sono grati. Quando mi incontrano, dicono: “Stai ancora mantenendo la tua promessa, stai dicendo ai dottori di abbandonare il modello medico?” e dico: “Sì, lo sono, e lo sto facendo ora a livello globale”.

Ho anche fondato il Child Development Center presso l’ospedale universitario di Vilnius. Ero il primo presidente dell’Associazione psichiatrica lituana quando ci separammo dall’Associazione psichiatrica dell’Unione Sovietica e stavo cercando di avviare l’autoriflessione, l’autoregolazione e la modernizzazione del gruppo professionale di psichiatria.

 

Florence: sembra che il tuo lavoro abbia avuto un grande impatto nella vita delle persone. Per fare un salto nel tempo, potresti parlarci un po’ di come sei diventato il relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti di tutti al godimento del più alto standard ottenibile di salute fisica e mentale?

Pūras: Non è possibile semplicemente diventare un relatore speciale partendo dalla pratica medica o dalle attività accademiche. Sarebbe troppo difficile. Ciò che mi ha aiutato è stato che circa 10 anni fa, tra il 2007 e il 2011, sono stato eletto al Comitato dei diritti dell’infanzia delle Nazioni Unite (Committee on the Rights of the Child) (ONU). È così che ho imparato molto sui meccanismi delle Nazioni Unite. Poi, nel 2014, ho fatto domanda per il ruolo di relatore. Naturalmente, sono stato felice di essere nominato e ho deciso che avrei usato questi 30 anni della mia peculiare esperienza.

Sapevo che sarei stato relatore dei diritti alla salute fisica e mentale. Ma, per contribuire alla parità e alla non discriminazione della salute mentale, ho chiarito fin dall’inizio che avrei dedicato molta attenzione alla salute mentale, poiché era giunto il momento per questo. Quindi, negli ultimi sei anni, mi sono impegnato molto nel campo della salute mentale.

 

Florence: Potresti dirci come si svolge la tua giornata di relatore speciale?

Pūras: Essere relatore speciale non è un lavoro, è un’attività pro-bono (per il bene di tutti). Lo sai quando ti candidi, quindi non puoi lamentarti, e io non mi sono mai lamentato. Penso che sia una buona idea perché il principale vantaggio di un relatore speciale è l’indipendenza.

Il relatore speciale può pensare, parlare e scrivere ciò che pensa come un esperto indipendente, e questa è la nostra forza. Ma questo, ovviamente, rende la vita molto difficile perché devi sopravvivere. Devi avere un altro lavoro. Prima della pandemia, facevo 25 o 30 viaggi all’anno. Quindi quando sei a casa, devi lavorare sui tuoi rapporti, sulle comunicazioni che vengono inviate ai governi e così via. È molto difficile da gestire, ma è un’attività estremamente gratificante.

Penso che sia importante non ricevere alcuno stipendio dalle Nazioni Unite perché ciò significa che puoi anche essere critico anche nei confronti delle Nazioni Unite stesse e di qualsiasi governo del mondo. Sono orgoglioso del sistema delle Nazioni Unite e che i governi abbiano preso la decisione di disporre di quello che viene chiamato meccanismo delle procedure speciali. Questo è un potente meccanismo che ricorda alle Nazioni Unite e alla comunità globale che un approccio basato sui diritti umani è cruciale per la pace, la sicurezza, lo sviluppo e ora per superare la pandemia.

 

Florence: Hai detto che scrivere relazioni è una parte importante di questo lavoro. I tuoi rapporti sottolineano i determinanti sociali della salute e della salute mentale e segnalano l’eccessiva medicalizzazione delle cure di salute mentale in tutto il mondo. Pensi di aver contribuito a presentare una nuova narrativa per sostituire quella vecchia biologica?

Pūras: Beh, penso che non spetti a me trarre conclusioni sui contributi del mio mandato e del mio ruolo di relatore. Ho fatto del mio meglio per contribuire a questo processo, che è significativo, un processo di cambiamento, si spera. Ho visitato tutti i continenti e ho avuto molte comunicazioni con molti esperti, inclusi esperti per esperienza e utenti o ex-utenti dei servizi di salute mentale. Ero molto fiducioso nel formulare il messaggio principale, in particolare nella mia relazione al Consiglio per i diritti umani del 2017.

L’argomento non è solo bianco e nero. Non si tratta di solamente denunciare il modello biomedico, il mio approccio ha identificato enormi asimmetrie e squilibri di potere nel campo. L’assistenza sanitaria mentale ha fallito per diversi motivi, ma gli interventi medici sono stati presentati come se fossero più efficaci rispetto ad altri tipi di intervento.

Ci sono molte altre asimmetrie e squilibri che rendono lo status quo – che al momento è esemplificato dal movimento per la salute mentale globale – non funzionante. Affronto il problema a fondo nei miei pezzi.

Non sono stato il primo a criticare il modello biomedico, ma ho usato la mia posizione e il fatto che io stesso sono un medico e uno psichiatra per analizzare i problemi del sistema. Per evidenziare che il sistema è inefficace. Alcune persone mi hanno detto che è troppo radicale. No, penso che ciò di cui sono più orgoglioso è che sono riuscito a rimanere fermo sui miei principi e a non essere opportunista.

Nelle mie relazioni, ho reso molto chiaro il messaggio che la pressione globale degli ostacoli sta creando danni. Gli ostacoli comprendono l’uso eccessivo del modello biomedico e degli interventi biomedici, asimmetrie di potere, in particolare tra psichiatri e utenti dei servizi, e l’uso distorto di conoscenze ed evidenze.

Dobbiamo considerare i principi fondamentali su cui si basano le politiche e i servizi di salute mentale. Ecco come penso di aver contribuito. Alcune persone ti direbbero che i rapporti si stanno polarizzando. No, non sono i miei rapporti a polarizzare la comunità di esperti. La polarizzazione esisteva prima di me.

Le reazioni alle mie segnalazioni, in particolare quella del 2017, sono state molto positive o molto critiche. Non so come spiegarlo. C’erano esperti che scrivevano lettere di riprovazione alle Nazioni Unite affinché tali relazioni fossero invalidate e i relatori screditati. Penso che i miei messaggi fossero un test in cui ci si coinvolgesse per pensare a questi problemi. Questo era uno dei miei obiettivi.

 

Florence: dove hai trovato supporto nel tuo lavoro e dove hai trovato la maggior resistenza?

Pūras: C’è stato un grande sostegno, soprattutto da parte della società civile. Ovunque vada incontro persone – comunità di utenti dei servizi di salute mentale e professionisti non medici della salute mentale – che supportano i miei messaggi. Inoltre, una minoranza nella comunità psichiatrica fa lo stesso.

Quando vai in un paese, ad esempio Corea, Giappone, Islanda o Polonia, incontri persone e loro dicono: “Come fai a conoscere così bene la situazione delle cure mentali qui nel nostro paese?” E io dico: “Mi dispiace, non la conosco. Non ho visitato ed esplorato questo paese”. Quindi dicono: “No, no, devi conoscerla perfettamente perché ciò che hai scritto nel tuo rapporto descrive esattamente la situazione nel nostro paese”. Questo è stato gratificante da ascoltare perché segnala che forse sono riuscito nei miei rapporti a catturare un fallimento globale caratterizzato da questa viziosa impotenza, istituzionalizzazione, iper-medicalizzazione ed esclusione.

Questo è il sistema che abbiamo a livello globale e, nel sistema, ognuno è ostaggio, compresi gli psichiatri, per non parlare dei pazienti. Non sono stato il primo a parlare di questo, ma penso che sia più autorevole quando proviene da un esperto indipendente, nominato dalle Nazioni Unite con un background di medico in psichiatria.

 

Florence: hai menzionato la necessità di cambiare i sistemi e non solo di investire più denaro nei sistemi di status quo che sono fondamentalmente imperfetti. Cosa ne pensi dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e delle sue iniziative globali in materia di salute mentale? Pensi che stia forse imponendo l’idea del modello biologico occidentale ai paesi in via di sviluppo?

Pūras: Stavo cercando di formulare alcune idee su questi problemi per il mio prossimo rapporto, che uscirà presto. Dobbiamo capire che l’OMS fa parte delle Nazioni Unite e che i padroni di casa delle Nazioni Unite e i padroni di casa dell’OMS sono i governi. Quindi, è più facile per un relatore speciale, in qualità di esperto indipendente, formulare raccomandazioni, come ho fatto io. Ho la sensazione che molte persone che hanno questo tipo di preoccupazione non possano fare dichiarazioni così audaci. Un esperto indipendente può dire le cose in modo più critico rispetto a chi sta all’interno dell’OMS.

Vorrei sentire un messaggio più chiaro da parte dell’OMS secondo cui l’approccio basato sui diritti umani dovrebbe essere pienamente abbracciato e non in modo selettivo. Tuttavia, sono stato felice di vedere l’iniziativa sui diritti alla qualità dei servizi dell’OMS, che è davvero molto progressista e apre la strada a coloro che ancora non credono che la psichiatria e l’assistenza sanitaria mentale possano esistere senza coercizione.

L’OMS ha un elenco di medicinali essenziali. È un’idea piuttosto vecchia e sappiamo che si ha il bisogno di antibiotici, di trattamenti antiretrovirali, ecc. Ma nell’elenco dei medicinali essenziali c’è anche un gruppo di farmaci psicotropi. Quando andavo in paesi in visita ufficiale e chiedevo ai funzionari: “Come viene affrontata la salute mentale qui nel tuo paese”? Rispondevano: “Va bene perché sono disponibili i farmaci psicotropi essenziali”. Ma l’assistenza sanitaria mentale non riguarda solo la messa a disposizione di farmaci psicotropi essenziali, è molto di più.

I funzionari che guardano solo all’elenco dei farmaci essenziali dell’OMS non tengono in considerazione gli interventi psicosociali essenziali. Quindi, perché non aggiungerli? Perché non bilanciare migliori interventi biomedici con altri interventi essenziali tanto quanto i farmaci o forse anche più essenziali e più efficaci?

Nel complesso, sono abbastanza contento della collaborazione dell’OMS, ma desidero che l’OMS sia più a favore dei diritti umani, in modo che i paesi non ricevano il messaggio che il diritto alla salute mentale sia semplicemente rendere disponibile un trattamento farmacologico a chiunque. Il diritto alla salute mentale significa che tutti possono essere liberi dalla violenza e dalla forza, anche in contesti di salute mentale.

 

Florence: non vediamo l’ora di vedere il nuovo rapporto. Hai menzionato la pandemia diverse volte e mi chiedo se ne puoi parlarne un po’ più in dettaglio. Recentemente si è parlato della pandemia che ha causato un’epidemia di malattie mentali. Questa è una narrazione che sta già emergendo. Come dovremmo pensare allo stress psicologico e allo stress causato dalla povertà che le persone stanno vivendo durante la pandemia di COVID-19?

Pūras: Il mio pensiero forse idealista è che ora abbiamo una nuova possibilità e un nuovo argomento per passare a politiche di salute mentale basate sui diritti. Con questa pandemia, dovremmo renderci conto ancora di più che lo status quo non è efficace. Per quanto tempo milioni di persone con disabilità psicosociali e intellettuali continueranno a rimanere in istituti residenziali? Sappiamo che con la pandemia queste istituzioni stanno diventando ancora più pericolose a causa del contagio.

Dobbiamo fare tutto il possibile, a livello globale, in modo che tutte le persone, tutti i bambini e tutti gli adulti con o senza problemi di salute mentale possano vivere a casa. Non devono vivere in qualche istituzione artificiosa, perché è contro la dignità. Hanno il diritto di non essere privati ​​della libertà.

Un altro problema sono i cosiddetti problemi comuni di salute mentale, che sono stati estremamente medicalizzati dal modello biomedico. Gli effetti dei determinanti sociali della salute e gli effetti della povertà sono stati trasformati in categorie diagnostiche psichiatriche. Ora, con la pandemia, che rende milioni di persone ansiose, tristi e sole, torneremo a medicalizzare e patologizzare? Questo sarà un disastro.

Abbiamo una via d’uscita? Sì, dovremmo usare molte idee innovative, ma dobbiamo abbandonare i modelli di medicalizzazione per affrontare le condizioni di salute mentale. Consiglio di pensare a sistemi di supporto e cura delle persone invece di fare diagnosi. Vedo questa crisi come un’opportunità unica per trasformare i servizi di salute mentale.

Durante molte conversazioni al riguardo con i rappresentanti dell’élite della psichiatria globale i miei messaggi venivano spesso interpretati come anti-psichiatrici e offensivi per gli psichiatri. La psichiatria è in crisi, in particolare la psichiatria biologica. Dobbiamo ammetterlo e quindi cercare soluzioni su come proteggere l’immagine e la reputazione della psichiatria e della salute mentale.

Durante questa pandemia, non sono d’accordo sul fatto che ci saranno più “malattie mentali”. Ma ci saranno più persone ansiose, tristi e sofferenti riguardo l’imprevedibilità e la mancanza di sicurezze. Perché qualifichiamo tutto ciò come una malattia mentale?

La malattia mentale presuppone che qualcosa nel cervello non funzioni bene e che ciò significhi quindi che i medici devono riparare questo disturbo. Quindi rafforziamo nuovamente questo circolo vizioso di iper-medicalizzazione e giochi di potere e così via.

È giunto il momento e una buona opportunità per ripensare l’assistenza sanitaria mentale. Il campo non deve essere demonizzato o colpevolizzato, ma la psichiatria dovrebbe essere liberata da approcci obsoleti. È un ostaggio dell’eredità obsoleta della coercizione e dell’eccessiva medicalizzazione.

 

Florence: questa è un’idea meravigliosa. Forse, nel mezzo di questa tragedia, possiamo trovare un’opportunità per apportare alcuni cambiamenti. Potresti parlarci un po’ di quello che ti aspetta dopo la fine del mandato da relatore?

Pūras: ho deciso di assumere maggiormente il ruolo di rappresentante della società civile. Ho sempre lavorato molto con le ONG e ora sono il direttore di una piccola ONG, che è molto nota e ha una buona reputazione. È un istituto di monitoraggio dei diritti umani in Lituania. Siamo felici di essere una democrazia, ma vogliamo che questa democrazia sia più forte e più matura, specialmente durante questa situazione di pandemia, che mette alla prova tutte le democrazie.

È una regione interessante, con una lunga eredità di quel sistema di cui ho parlato all’inizio della nostra conversazione. Tuttavia, molti bambini e adulti si trovano in grandi istituti residenziali e in grandi ospedali psichiatrici. Quindi questa regione ha un disperato bisogno di trasformazione e sono pronto a impegnarmi per questo.

Stiamo pianificando buoni progetti e creando reti, sia con nuovi paesi che con paesi vicini come Ucraina e Georgia. Sono pronto a mettere a disposizione la mia esperienza a livello regionale, ma allo stesso tempo, terrò la mia attenzione sulla politica globale. Sarò sempre molto interessato alla situazione dei diritti umani a livello globale.

Non possiamo aspettarci che le strutture per la salute mentale siano un’oasi di rispetto dei diritti umani quando in tutto il mondo non c’è rispetto per i diritti umani. Questo è il motivo per cui, per me, la cosa principale è che tutti i paesi siano sensibili alla creazione di ambienti abilitanti in tutte le impostazioni.

Se vogliamo avere una migliore salute mentale, dobbiamo guardare a ciò che sta accadendo nelle famiglie, nelle scuole, nei luoghi di lavoro, nelle comunità e nella nostra società. Siamo tolleranti? Stiamo proteggendo i principi dei diritti umani? Se sì, possiamo aspettarci una buona salute mentale. Quindi dovremmo applicare gli stessi standard alle impostazioni di salute mentale. Se seguiamo questi principi, c’è la via d’uscita da questa crisi della salute mentale, da questa crisi della psichiatria.

Per continuare e ribadire ciò che ho detto nei miei rapporti, non c’è una crisi di disturbi mentali, c’è una crisi creata da oneri e ostacoli che il sistema ha creato. Il mio contributo è stato modesto. Ci sono molte persone appassionate in tutto il mondo, molte persone impegnate. Se uniamo le forze e lo facciamo gradualmente, ci sono molte reti e penso che il cambiamento possa avvenire.