Per la chiusura dell’SPDC (reparto psichiatrico) Papa Giovanni XXIII di Bergamo

0
573
Laura Guerra
Latest posts by Laura Guerra (see all)

 

Pubblichiamo questo contributo pervenutoci dalla Rete dei Collettivi Antipsichiatrici in occasione del primo anniversario della morte di Elena Casetto, diciannovenne arsa viva legata a un letto di contenzione.

 

A quasi un anno dalla morte di Elena, avvenuta il 13 agosto 2019 a causa di un incendio nel reparto psichiatrico di Bergamo, diffondiamo questo manifesto contro la contenzione meccanica fatto dalla rete dei collettivi antipsichiatrici per ricordare lei, Antonia Bernardini e tutte le vittime della psichiatria come Francesco Mastrogiovanni morto legato al letto per 87 ore il 4 agosto 2009 e come Andrea Soldi morto durante un TSO il 5 agosto 2015.

PER LA CHIUSURA DELL’SPDC (REPARTO PSICHIATRICO) PAPA GIOVANNI XXIII DI BERGAMO

31 dicembre 1974: Antonia Bernardini muore, dopo giorni di agonia, a causa di ustioni riportate da un incendio da essa provocato per attirare l’attenzione. Era legata al letto da 43 giorni, nel manicomio giudiziario femminile di Pozzuoli: voleva un bicchiere d’acqua nessuno le dava retta.

13 agosto 2019: nell’SPDC dell’ospedale Papa Giovanni XIII di Bergamo, divampa un incendio di cui non si conoscono le cause. Elena, una ragazza di 19 anni muore arsa viva nel letto al quale è tenuta legata. La contenzione non le ha permesso di fuggire.

La contenzione è una pratica diffusa e frequente in ambito psichiatrico.

Corpi e menti vengono costretti, annientati, torturati. Ogni giorno molte persone vengono sottoposte a questo trattamento, sotto gli occhi indifferenti degli operatori e quelli inermi delle persone che gli sono intorno.

Noi non siamo e non saremo disposti/e ad accettare che questo accada ancora.

LA CONTENZIONE NON E’ UNA TERAPIA!

PER L’ABOLIZIONE DELLA CONTENZIONE ! PER LA CHIUSURA DEL SPDC DI BERGAMO!

Rete dei Collettivi Antipsichiatrici

SHARE
Previous articleTrattamenti sanitari o sequestri di persona? Il caso del signor L.
Next articleTSO e trattamento coercitivo con depot – Storia di Alessandra
Laura Guerra è laureata in Scienze Biologiche e ha conseguito il dottorato di ricerca in Farmacologia all'Università di Ferrara. Si interessa dei trattamenti psicofarmacologici nel contesto psicosociale del disagio emotivo. Pone particolare attenzione ai problemi dell'eta giovanile e infantile. Ha tradotto il libro di Peter Breggin "La sospensione degli psicofarmaci. Un manuale per i medici prescrittori, i terapeuti, i pazienti e le loro famiglie". Recentemente ha tradotto il libro di Joanna Moncrieff "Le pillole più amare. La storia inquietante dei farmaci antipsicotici".

LEAVE A REPLY